Dopo la settimana grassa… Quaresimali!!

QuaresimaliSi dice che i gusti cambino ogni sette anni.. Quando ero piccola non li amavo o forse non avevo mai avuto il tempo di assaggiarli perché, con la scusa che non mi garbavano, venivano spazzolati in un batter d’occhio. Ricordo le meraviglie di genitori e parenti davanti al minuscolo vassoio elegantemente impacchettato. Ogni quaresima partiva la sfida per capire quali fossero migliori, fra le due pasticcerie storiche di Genova da cui ci serviamo: Romanengo e Profumo, e ad oggi non abbiamo ancora trovato un vincitore perché scegliere fra i due e’ veramente difficile, se non impossibile.. In ogni caso sono certa che la gara si ripeterà ogni anno con la scusa, in soli quaranta giorni, di ingurgitare più quaresimali possibili! Anche perché ora li magno pure io!
Continua a leggere

Annunci

Strascnat che le cime de rape… e patate

Eclissi 15 marzo 2015Ieri tutti con il naso all’insù, per osservare la luna che nascondeva il sole. Purtroppo in molte regioni di Italia il cielo era coperto quindi non so se tutti avete potuto godere della bellezza di questa manifestazione della natura. È stata parziale e il cielo non si è oscurato.. Ma in ogni caso uno spettacolo emozionante. Adoro osservare le manifestazioni della natura, e quelle astronomiche sono le mie preferite..

Continua a leggere

La nostra Torta al Cioccolato

Torta al cioccolatoDietro una grande passione spesso c’è un’ispirazione.. E per me, l’amore per la cucina, il desiderio di apprendere e sperimentare sempre cose nuove ai fornelli, deriva da mia madre, cuoca provetta e pasticciona, proprio come me!

Quando eravamo piccole mia sorella ed io, la osservavamo volteggiare tra pentole e coperchi, cercando di carpire ogni segreto e di leccare quello che rimaneva fra fruste e cucchiai prima che finissero in lavastoviglie..

Continua a leggere

Patate patate patate!

In un piatto tutti gli ingredienti devono essere bilanciati, esaltare il sapore principale che non deve prevalere o venir meno. In questo modo funziona, se manca qualcosa, come nel nostro corpo, l’equilibrio salta..

In questa grigia e uggiosa giornata, voglio parlarvi del quarto alimento coltivato nel mondo, la patata!

PatataEsistono circa 5.000 varietà e ovviamente, il loro sapore e di conseguenza l’utilizzo in cucina, cambia notevolmente; ci soffermeremo sulle cultivar a maggior diffusione in Italia.

Le patate a pasta gialla hanno una polpa compatta, soda e poco farinosa; sono ideali fritte, al forno, al vapore o in umido. In questa categoria troviamo le seguenti varietà Bintje, Désirée, Jaerla, Monalisa, Primula ( patata di Bologna DOP), Spunta, Liseta, patata del Bur.
Continua a leggere

Vellutata di zucca con gamberi, menta e zenzero croccante

Oggi partecipo al mio primo contest di cucina!

Sedici Alchimia dei SaporiNavigando fra le varie raccolte, ho trovato “SEDICI l’alchimia dei sapori” e l’idea mi è piaciuta veramente tanto. Lo scopo e’ di conoscere nuovi ingredienti, mettersi in gioco sperimentando sapori e abbinamenti.
Continua a leggere

Brownies Caramello Salato e Nocciole

Bertha Honoré PalmerImmaginate Mrs Palmer, nota imprenditrice statunitense, degustare un pezzo di torta, in pubblico, agli albori del XX secolo.. Ci voleva qualcosa di appropriato ad una signora, qualcosa che non sporcasse le mani, fosse facile da trasportare e degustare durante le esibizioni sociali.
Continua a leggere

Caramello salato e colloquio di gruppo

Avete mai partecipato ad un colloquio di gruppo?? E’ trascorso un bel po’ di tempo, ma lo ricordo benissimo.

www.modellocurriculum.com/il-colloquio-di-gruppo.html

Arrivi, ti registrano, ti fanno accomodare in una stanza con altri candidati e proprio mentre stai pensando di dover combattere con dieci cervelli, ti informano che il tuo è il quarto gruppo della giornata…. Bene, sono quaranta come minimo!
Continua a leggere

Finale di Marsterchef e spaghetti vongole, carciofi al profumo d’arancia

Avevano ragione, con due giorni di anticipo Ricci e la sua banda hanno spoilerato sul finale di Masterchef. A parte che non ci voleva un genio, anche secondo me Stefano era due spanne sopra a Nicolò, tralasciando tremarella e sudore, che lo hanno accompagnato fino all’ultimo piatto (soffrivo mentre impiattava la battuta di filetto di fassona). Ma a noi ad un certo punto.. Capisco una partita di calcio.. andreste mai a vedere la vostra squadra del cuore sapendo il risultato?? Magari un belrisultato tennistico in negativo? Non credo perchè lo spettacolo in qusti casi va in secondo piano, prevale il nervosismo e non l’esibizione.. Ma qui è diverso! In ogni caso complimenti a Stefano che è riuscito a prendere l’ultimo treno della sua vita…
Continua a leggere